Dic 18, 2010 - blog life    6 Comments

La neve a Livorno…

imagesCAG5DPJS.jpg

La neve a Livorno non si vede quasi mai. Mi ricordo quando ero bambino, negli anni 50, una vita fa, una mattina mi alzai nello strano silenzio che la neve regala quando cade. Mi affaccio alla finestra e vedo il giardino completamente imbiancato. Saranno stati almeno venti centimetri di neve. E per un bambino che vive a Livorno, che si nutre di mare e di pioggia, di salmastro e di vento, vedere la neve è come ricevere un regalo inaspettato. Pupazzi, pallate, slittini improvvisati, mani gelate, guance rosse e il naso che cola. Bellissimo. Lo so, per voi del Nord quando cade la neve è una cosa normale, neanche la guardate più, non vi soffermate ad ammirarne il candore e il modo in cui cade, silenziosa e discreta al suolo. Per voi la neve è come per noi il libeccio quando arriva impetuoso; per voi è normale come bere un bicchier d’acqua. Io invece la guardo cadere e sorrido, spiaccico il naso alla finestra, come quando ero piccolo. Per me, la neve a Livorno, è un avvenimento, un augurio che non mi aspettavo, un segno di purezza e di speranza. La guardo e penso a lei, sempre a lei, come se al mondo esistesse solo lei. E fino a che non tornerà guarderò la neve con un sorriso, e se la neve domani si scioglierà cercherò di immaginarla, e sorriderò di nuovo, nei miei pensieri, fino al momento in cui mi abbraccerà e mi dira che mi vuole bene tanto quanto gliene voglio io. Buon Natale a te, a Shaun, ai miei che non ci sono più e che mi mancano, a chi mi ha amato e chi mi ama ancora, Buon Natale ai miei amici, ai nemici, a chi mi odia e chi mi ripudia. Buon Natale a chi dorme sotto a un portico, a chi chiede l’elemosina, ai ragazzi di colore che vendono accendini, ai poveri, a chi adesso si trova su un barcone per raggiungere un mondo migliore. Buon Natale anche a me.

 

 

Dic 1, 2010 - blog life    12 Comments

I miei primi 60 anni

60 anni jpg.JPG

Porca miseria! Mi sono distratto un attimo e… ieri ho compiuto sessant’anni! Non me l’aspettavo… ero lì che pensavo ad altro, la mia mente vagava a quando mia figlia era piccola, giocavo insieme a lei e lei riponeva la sua fiducia in suo padre. Bei tempi. Bei tempi perché passavano gli anni, lei cresceva e neanche ce ne accorgevamo. Nel senso che il tempo era dilatato, tutto scorreva liscio come gocce d’olio in una padella. Ma la padella era bollente, l’olio s’è fritto! Bruciato! Okay… la famiglia si disgrega, la moglie diventa ex, e non c’è niente di più terribile che avere una moglie ex. Per tanti motivi. Che non elenco. Mia figlia cresce, mentre anche l’altro figlio più grande cresce, è un uomo ormai, indipendente, con la sua vita negli States. Io intanto scrivo e suono, faccio l’artista insomma. Niente di peggio che fare l’artista quando tieni famiglia! Ah… certo… che bellezza avere un artista in casa… wow… un musicista, uno scrittore… accidenti. Sì, ma i soldi? I soldi li porti a casa o no? Eh… sai… i miei progetti… ho seminato e… Sì! Ma quando raccogli? Non lo so… abbi pazienza. Eh… ma si sa: quando la fame (si fa per dire) entra dalla porta l’amore se ne va dalla finestra. Be’… così è stato. Good bye my love. E così, guardando indietro, quando volti di nuovo lo sguardo davanti, vedi una torta piena di candeline. Le conti: uno, due, dieci, undici, dodici, venti, venticinque, trentanove, quarantacinque… ehi! ehi! calma! Cinquantadue, Cinquantotto, oh! oh! siamo impazziti? Cinquantanove… sessanta! Cazzo! E va be’… che ci posso fare? Mica posso fermare il tempo. E allora, visto che (ma sì, facciamo un po’ di retorica) non me li sento, sono sano, vivo e vegeto, allora vaffanculo all’età! C’è ancora tempo per veder spuntare qualche germoglio da tutti quei semi seminati. Grazie per gli auguri che mi hai fatto, Shaun. Grazie per gli auguri che mi hai fatto, Silvia. tanto lo so che mi hai pensato.

E grazie ai miei allievi del corso di scrittura, perché ieri sera, durante la lezione, mi hanno fatto una bella sorpresa. Appena arrivati mi ero meravigliato che nessuno di loro mi avesse fatto gli auguri. Poi però, dopo un’ora, ecco arrivare tre mie “vecchie” allieve: Stefania, Marialaura e Tiziana. E tutti insieme hanno cominciato a cantarmi “tanti auguri”. Hanno portato pasticcini, castagnole, torta di mele, spumante e regalini. Come si fa a non volervi bene?

Nov 16, 2010 - Parliamo di scrittura    10 Comments

Caro Pinocchio…

 

pinocchio1.JPG

Carissimo Consani, ci è piaciuto molto il manoscritto che ci ha inviato, pertanto siamo lieti di comunicarle che potrà far parte del nostro gruppo. Le invieremo il contratto di edizione al più presto. Dobbiamo altresì comunicarle che per ovvi motivi di gestione, dobbiamo chiederle una somma di denaro per ammortizzare parte delle spese di stampa, ecc…

Questo accadeva nel 2007, al mio terzo libro. Rispondo gentilmente che non ho alcuna intenzione di pagare un euro per ammortizzare parte delle spese di stampa, ecc…, ma, parlando con l’editore giungiamo ad un accordo: lui mi dà 120 libri che io venderò per loro attraverso le presentazioni. È un totale di 1.950 euro. Non è uno scherzo. E vendere libri per conto proprio non è proprio la cosa più facile di questo mondo. Ma tant’è. Accetto. Mi spediscono il contratto, firmo, e dopo qualche giorno mi arrivano i libri; libri che dovrei vendere in tre mesi. Nel frattempo il mio editore, come da contratto, deve organizzarmi presentazioni, distribuire il mio romanzo nelle librerie che il suo sito sottolinea, promuovere… insomma, fare il lavoro di editore. Dopo tre mesi io sono riuscito a vendere una quarantina di libri, con una fatica immane, ma l’editore non ha distribuito il mio libro, né mi ha mai organizzato una presentazione né niente. Io li chiamo, scrivo email, faccio di tutto per fargli capire che da contratto si sarebbero dovuti muovere in ben altro modo. Loro mi rispondono che fanno il possibile (cioè niente) e vogliono i soldi. Io mi rifiuto di darglieli, e dopo qualche mese, dopo aver visto che il mio carissimo editore niente ha fatto per promuovere il mio lavoro, confermo che da me non avranno mai il ricavato delle vendite.

Carissimo Consani, le farò scrivere dal mio avvocato.

Vai a fare in culo te e il tuo avvocato. Invece mi scrive davvero, mi spinge a pagare. Io, a questo azzeccagarbugli, gli mando tutte le email scritte tra me e l’editore, cercando di spiegargli che se l’editore non ha fatto il suo lavoro e non ha tenuto fede al contratto, io non pago. Mi arriva l’ingiunzione, dovrei oppormi, ma non penso che arrivino a mandarmi l’ufficiale giudiziario, non posso crederci, non può essere. E invece arriva l’ufficiale giudiziario: somma da pagare 3.950 euro. Ovvio, con le spese legali. L’ufficiale giudiziario fa il suo lavoro e scrive su un foglio ciò che potrebbe pignorarmi: la tv, la macchina, il computer, la mia batteria e uno stereo.

Io se gli faccio causa ci rimetto anche le penne, perché pagare un avvocato è come andare a farsi prestare dei soldi da uno strozzino, con il risultato che poi magari la causa va avanti dieci anni e neanche vinci. Bene, loro hanno gli avvocati, io no. Loro hanno il potere, io no. Io dovrò pagare un editore di cui non faccio il nome ma che per scoprirlo basterebbe poco se uno è furbo.

Ora, caro editore, mica vorrai querelarmi, eh? Mica ho fatto nomi, giusto? Però tu, carissimo editore, siccome so che ogni tanto vieni a spulciare nel mio blog e sul mio sito, non ti rendi conto di essere veramente un uomo di bassa lega, bugiardo (per questo ti dedico la foto in alto) e profittatore? Io dovrò pagare la cifra che si è raddoppiata, ma stai tranquillo che appena potrò troverò il modo per fartela pagare legalmente. Senza contare la bella pubblicità che sarò costretto a farti. Invito ancora una volta tutti coloro che scrivono e che vogliono pubblicare un libro: non pagate mai gli editori che vi chiedono somme di denaro. Farete più fatica per trovare un editore serio che pubblica solo ciò in cui crede, ma almeno sarete tranquilli.

 

Nov 8, 2010 - Parliamo di scrittura    2 Comments

Scrittura creativa on line

libri.gif

Diverse persone mi hanno chiesto perché non tenessi un corso di scrittura creativa on line. Ci ho pensato un bel po’, perché i miei corsi sono all’insegna della comunicatività, del botta e risposta, del rapporto umano e degli “scontri” letterari. Poi però mi sono detto: oggi molti non hanno tempo per frequentare un corso settimanale per via del lavoro, dei figli o di altre problematiche personali. Senza contare i costi, non altissimi ma, per come vanno le cose attualmente, possono creare piccoli disagi nell’economia familiare. E allora perché non avere un rapporto, seppur virtuale, via email come se fossimo tra amici? E’ un esperimento il mio, una sfida, qualcosa che può diventare costruttivo al di là della mancanza fisica della persona. Proviamoci allora. Chiunque abbia voglia di partecipare e conoscere nel dettaglio come si svolge il corso (della durata di quattro mesi), scriva alla mia casella di posta: sergioconsani@alice.it e io vi risponderò.

E non dimenticatevi di dare un’occhiata al mio sito web www.sergioconsani.altervista.org dove potete vedere le mie attività, quello che succede nella mia città, le iniziative, la Scuola di Cinema, la musica…

Nov 2, 2010 - blog life    3 Comments

www.sergioconsani.altervista.org

 

Ho costruito il mio sito web. Non è stata una cosa semplicissima, ma ci sono riuscito. Ci sono molte cose da aggiungere, ma ci vuole calma e pazienza. Dategli un’occhiata e fatemi sapere la vostra opinione, e soprattutto sono ben accetti i consigli. Nel sito www.sergioconsani.altervista.org si parla un po’ della mia vita di musicista e di scrittore, delle persone con le quali ho lavorato, ci sono links e foto, il set di Dietro le quinte, il video della fiction che ho scritto insieme a Luca Dal canto, il mio gruppo jazz. Un po’ di tutto, insomma.

Ott 27, 2010 - blog life    9 Comments

Potrebbe essere così, chissà…

ambulanza.jpg

Il brusio e i commenti della gente curiosa non cessarono fino all’arrivo dell’ambulanza. Caricarono il mio corpo su una lettiga e m’infilarono in fretta e furia sul mezzo di soccorso. La sirena riprese il suo urlo e l’ambulanza si allontanò dirigendosi verso l’ospedale.

All’interno vi erano due volontari e un medico, e quest’ultimo, con un cenno del capo, confermò la morte agli altri due.

Io li guardavo invece in attesa di un cenno che confermasse la possibilità che Sergio ce l’avrebbe fatta. Ma non arrivò.

Vedevo, sentivo, ma nessuno mi vedeva o mi sentiva, neanche quando urlai: «Fate qualcosa! Un massaggio cardiaco! Un defibrillatore! Una respirazione bocca a bocca!»

Le parole si perdevano nell’aria satura di disinfettanti e di morte che l’ambulanza ospitava perennemente, odori che neanche quando quel mezzo fosse andato un giorno a riposare in qualche centro di autodemolizione li avrebbe persi.

Vedevo, sentivo e percepivo gli odori come fino a pochi minuti prima, ma quando cercai di scorgere i lineamenti del mio corpo, non ci riuscii. Non potevo toccarmi, né specchiarmi in uno dei vetri posteriori dell’ambulanza. L’unica cosa che potevo vedere di me era quel corpo sdraiato sulla lettiga con attorno i due volontari e il medico. Ma era Sergio senza vita, immobile, livido in volto, colorato di morte. Il medico mise la mascherina dell’ossigeno sul mio volto.

«Credo sia del tutto inutile, ma proviamo lo stesso…»

Non ebbi sensazioni di panico, ma solamente di smarrimento. Se ero davvero morto e la mia anima aveva abbandonato quell’ormai inutile ammasso di carne, avrei dovuto trovare qualcuno che mi desse il benvenuto nel nuovo mondo, uno di quegli angeli che, gentili accompagnatori, mi avrebbero indicato la via da seguire e infondere quella serenità indispensabile per sopportare meglio il trapasso. In quasi tutti i film si vedevano scene simili, e io avevo sempre accettato l’idea che fosse così. Era una visione romantica della vita oltre il materiale, il corporeo, l’effimero tempo scandito dagli orologi. Il medico frugò nelle tasche di Sergio, dal portafoglio tirò fuori la patente di guida e dette un nome allo sconosciuto che si era trovato davanti. Poi trovò il cellulare e cercò nell’agenda un cognome simile a quello che aveva letto sulla patente. Lo trovò. Compose il numero. E nessuno rispose.

Ott 21, 2010 - musica    5 Comments

Jazzin’ in Blue Jeans Quartet in concerto

ORO_5556.JPG

Domenica 24 ottobre suonerò con il mio gruppo i “Jazzin’ in Blue Jeans” al The Cavern, in Via delle Sorgenti 215, Livorno. Con noi ci sarà anche un duo acustico, i “Never Wings”. Il concerto inizia alle 21,45. Ecco la formazione del Jazzin’ in Blue Jeans Quartet: Sergio Consani, batteria; Anna Rubini, vocalist; Max Fantolini, piano; Giulio Boschi, basso e contrabbasso. Vi aspettiamo.

Ott 9, 2010 - Teatro    15 Comments

Uno spettacolo teatrale di Sergio Consani & Antonio Gerotto

Locandina Il Posto.JPG

IL POSTO è il titolo di questo atto unico scritto dal mio amico Antonio Gerotto e da me. Debuttiamo il 12 ottobre al Teatro Agorà di Roma e replicheremo fino al 17. L’Agorà si trova in via della Penitenza 33, nei pressi di Regina Coeli e per chi vuole prenotare i biglietti (lo consiglio perché il teatro è piccolo) può telefonare a questo numero: 06/6874167. La commedia è divertente e ironica e se andrete a vederla non ve ne pentirete. Ora poi che i tagli del governo allo spettacolo e alla cultura avanzano inesorabili come la piena di un fiume, si corre il rischio di veder chiudere non solo tantissimi teatri, ma anche locali dove si fa buona musica, biblioteche, archivi e chi più ne ha più ne metta. Vi aspetto amici romani. Io sarò lì sabato 16. Sono l’autore, mica me lo posso perdere! La regia de IL POSTO è di Antonio Gerotto, e se volete potete visitare il sito del teatro: www.teatroagora80.com

Ott 6, 2010 - blog life    5 Comments

Ricordi lontani, troppo lontani…

Sil.JPG

Avevi appena tre mesi e io ti tenevo sulle mie ginocchia mentre suonavo il pianoforte. Eri lì, beata, ad ascoltare con le tue orecchie attente e ancora acerbe suoni sconosciuti, modeste melodie che componevo per te. A dire il vero la tua anima aveva già recepito dei suoni quando eri ancora in grembo: ti facevamo ascoltare il Bolero di Ravel, poggiando gli auricolari della cuffia su quel pancione dentro al quale ormai cominciavi a stare scomoda. E come ti muovevi quando sentivi quella musica, sembrava quasi ci ringraziassi per farti compagnia. Sì, perché forse un po’, là dentro, ci si sente soli, forse c’è troppo silenzio e quando sta per scoccare il nono mese si inizia il conto alla rovescia per lanciare finalmente un urlo al mondo.

Quando nascesti la prima cosa che fece tua madre fu quella di contarti le dita delle mani e dei piedi, come a sincerarsi che fossi bella e sana e che ogni elemento del corpo fosse al posto giusto. Andava tutto bene, eri bella, con la faccetta rossa e, come disse un’infermiera, eri tale e quale a me. Poi, col tempo, hai cominciato a somigliare anche alla tua mamma, e allora c’era chi diceva è tutta sua padre, chi invece esclamava è la copia di sua madre. Vuol dire allora che avevamo fatto un buon lavoro facendoti somigliare ad entrambi, perché tua madre è sempre stata una bella donna, alta e magra, ed io un bell’uomo. Potevi nascere un rospo con due genitori così?

I tuoi primi sorrisi erano per noi, i tuoi primi due amori siamo stati noi, noi ti abbiamo dato la vita, qualcosa per la quale dovresti ringraziare il tuo destino per averla avuta. Non è poco. Non tutti hanno il privilegio di nascere, forse ci sono milioni di anime che girovagano chissà dove in lista di attesa, che si dicono pronte per fare una nuova esperienza e che invece devono aspettare anni, decine di anni, secoli. E tu dunque eri pronta, libera di scegliere dove andare, dove nascere, da chi nascere, in quale luogo, quali genitori.

 

Ott 3, 2010 - libri e fumetti    6 Comments

Presentazione romanzo “Dieci modi per morire”

n89614708718_151.jpg

Oggi, domenica 3 ottobre, ci sarà un’altra presentazione del mio libro a Pontedera, in occasione de “L’Era dei Libri”. E’ un bell’evento, con tanti autori e molti libri interessanti. Io presenterò il mio romanzo alle 16, alla Biblioteca in Via della Stazione Vecchia 3. La mia casa editrice, la Tagete, si sta dando da fare, e io apprezzo molto lo sforzo che fa nonostante i tempi non siano proprio favorevoli alla cultura e all’arte. I tagli del governo non giovano a chi sceglie di essere e rimanere uno scrittore, un musicista, un pittore, un attore, uno scultore o un regista. Per quanto mi riguarda, adesso che la tecnologia ha preso il sopravvento, da scrittore posso dire che ben vengano marchingegni come l’IPad o lettori multimediali simili: le piccole e medie case editrici non avrebbero più costi altissimi di stampa e di distribuzione. Basta ordinare il libro virtuale (che costerebbe meno del cartaceo) e me lo leggo sull’IPad o sul computer. Sarà un problema controllare il taroccaggio, ma credo che ci stiano lavorando, altrimenti sarebbe un disastro, simile a quello dei cd musicali. Certo, il cartaceo è un’altra cosa, ma il mondo va avanti. Una volta c’era il papiro, la pergamena, la penna d’oca e il pallottoliere. Mi sembra che nessuno abbia nostalgia di queste cose, no?

Pagine:«123456789...23»