Archive from gennaio, 2008
Gen 29, 2008 - Parliamo di scrittura    84 Comments

Spazio per il corso

Va bene, il suggerimento di Enrica lo prendo al volo, sperando che poi questo blog non diventi davvero circoscritto ai soli corsisti. Semmai domani scriverò un nuovo post per parlare di altre cose dove possono intervenire altri bloggers. Agli ultimi commenti dovrei dedicare mezza giornata per rispondere, ma mi pare di capire che il vespaio è nato dalla voglia estrema di ribellione di Paola. Nonostante possa non condividere le sue opinioni, o alcune di esse, mi diverto e imparo sempre molto dalle persone che sono al mio opposto. Noia mortale stare sempre vicino a gente che condivide, che dice sempre sì, che non ha verve. Perciò, cara Paola, pur se sei libera di prendere qualsiasi decisione (ma te l’avevo detto che non avresti avuto l’appoggio di nessuno), ti consiglierei di non mollare. E sai perché? Perché come ho detto prima da questo corso ne uscirai con un bagaglio nuovo addosso. Certo, in otto lezioni non si può pretendere chissà che cosa, si può dare un’infarinatura tecnica e spiegare in linea di massima come si mettono insieme i pezzi di un puzzle non sempre facili da incastrare. Sei una persona intelligente, perciò se molli dimostri di non accettare gli scontri. Dammi retta, abbiamo fatto solo due lezioni e forse, tra le ore passate tutti insieme e i commenti sul blog, hai già imparato (e io pure) molto di più di quello che pensi. E poi lasciatemi fare questo percorso “tecnico”, lasciatemi il tempo di entrare nelle vostre personalità (un minimo) per capire meglio cosa ognuno di voi potrebbe creare con maggiore facilità. E questo non l’ho detto per presunzione, da persona che riesce a scavare negli animi degli altri, ma solo perché chiunque, con un minimo di tempo a disposizione, può capire chi gli sta accanto. Bene, commentate su questo post ogni vostro dubbio e lasciamo gli altri post liberi ai bloggers che non sanno chi siamo.

Gen 25, 2008 - Parliamo di scrittura    43 Comments

Notizie sul mio libro?

E’ arrivato il momento di sapere cosa sta succedendo al mio ultimo romanzo, e forse, in attesa che tra un po’ il mio editore mi mandi il resoconto delle vendite (mi viene già da sorridere), chiedo aiuto a voi. Vi ricordate il titolo? E’ “La figlia della Notte” SBC Edizioni. Per prima cosa mi piacerebbe sapere se qualcuno di voi l’ha comprato attraverso il sito Internet dell’editore – www.sbcedizioni.it -, attraverso altri siti o comprato in libreria. E soprattutto cosa hanno risposto le librerie quando l’avete chiesto. Di sicuro la risposta é: “Non ce l’abbiamo ma possiamo ordinarlo!”. Dunque questo piccolo sondaggio fra voi amici bloggers mi rende la vita un po’ più facile, nel senso che posso rendermi conto quanto possa funzionare un minimo di pubblicità su un blog. Certo è che non basta se l’editore non ci mette del suo, ma tant’è.

Gen 23, 2008 - blog life    50 Comments

Secondo voi…

Secondo voi come si potrebbe fare per non vedere più tutti i muri della città imbrattati? E come si potrebbe fare per evitare che la sera quando rientro a casa non debba andare in giro con gli occhiali a raggi infrarossi per individuare le cacche dei cani? E come si potrebbe fare per dire a quei cretini in scooter che il senso unico è unico proprio perché lo devi percorrere in un solo senso? E come si potrebbe fare per attraversare le strisce pedonali senza che qualcuno ti travolga a cento all’ora? E come si potrebbe fare per insegnare un po’ di educazione? Questo è il nocciolo della questione. Io ho sempre affermato di essere di sinistra-anzi-anarchico, ma se voglio essere anarchico non posso rompere le palle al prossimo, perché se ritieni di essere uno spirito libero. la prima cosa da imparare è proprio quella di rispettare quelli che non conosci. L’ignoranza è davvero il male peggiore?

Gen 20, 2008 - blog life    39 Comments

Per mia figlia…

A marzo compirai 19 anni. Se penso al giorno in cui ti dissi che tua madre ed io ci saremmo separati mi viene ancora il nodo alla gola. Avevi sette anni, quel pomeriggio eravamo in piscina, alle porte di Roma, io abitavo già in un’altra casa e ti trovammo, io e tua madre, la scusa che dovevo stare lì provvisoriamente per ragioni di lavoro. Ma poi la cosa non poteva andare per le lunghe, sarebbe stata una presa di giro, prima o poi la verità ti andava detta. Così, quando ti dissi che papà non sarebbe più tornato a casa, mi abbracciasti – io ero seduto su una sedia a sdraio e tu eri in piedi di fronte a me -, piangesti senza dire una parola per qualche minuto e poi mi prendesti la mano dicendomi: “Dai… andiamo a fare un bagno…”. Da quel giorno però hai condiviso anche tu la mia casa, i week-end alternati, le feste alternate, gli affetti alternati. Poi, da un po’, ho sentito l’esigenza di dividere la mia vita fra Roma e Livorno, e non solo per quello: nel mio lavoro ci sono molte difficoltà economiche, non si riesce a programmare, a mettersi soldi da parte. Quindi ora faccio spola fra Livorno e la Capitale. Mi manchi, così come io manco a te, lo so, anche se spesso sei introversa, mi parli poco, quasi ce l’avessi con me. Ma tu sai quanto ti voglio bene, e tutte le promesse che ti ho fatto, anche se ancora non ho potuto mantenerle, le manterrò. Magari il giorno dopo morirò, ma le manterrò. L’unica cosa che ti chiedo e di non giudicare tuo padre, così come non dovrai farlo con tua madre. Lei ha avuto il coraggio un giorno di mollare tutto perché amava un altro, e amare non è una colpa. Come passa il tempo…

Gen 19, 2008 - Parliamo di scrittura    17 Comments

Il corso è iniziato alla grande…

Ieri, venerdì 18 gennaio, diciotto persone si sono affacciate, o meglio, sono entrate nella sala riunioni dell’SVS, si sono sedute un po’ timidamente, presentandosi e dando un’occhiata agli altri, come a capire bene con chi avrebbero dovuto “confrontarsi”. Io ho cercato subito di metterli a proprio agio, qualche battuta, diamoci del tu, strette di mano. Qualcuno è arrivato in ritardo (e spero che dalla prossima lezione arriveranno puntuali), poi abbiamo iniziato. L’ambiente, dopo poco, ha cambiato faccia: all’inizio onde strane s’incrociavano, onde timide, un po’ tese, un po’ timorose. Poi tutti hanno capito che io non sono “il professore”, colui che sale in cattedra e guarda tutti dall’alto verso il basso. Hanno capito che sono come loro, solo con qualche nozione letteraria in più. Esperienza, solo esperienza. Con gli allievi scherzo, mi piace creare una sorta di filo che ci lega tutti quanti, dove ognuno può esprimere la propria opinione. Io posso solo ringraziare chi è intervenuto, in quanto alle critiche, buone o cattive che siano, aspetto che me ne facciano anche qui sul blog. Spero che tornerete tutti più tranquilli e con la voglia di andare fino in fondo e realizzare qualcosa di buono. Non mancheranno le sorprese. Grazie, ragazzi. E non voglio dimenticare di ringraziare la Presidente dell’SVS, Odette Volpi, e Fabio Cecconi della Direzione, per avermi messo a disposizione la loro bella sala riunioni.

Gen 18, 2008 - Parliamo di scrittura    No Comments

Finalmente iniziamo…

Finalmente iniziamo, sì. Non so perché, ma quest’anno sono molto curioso di vedere quante persone si presenteranno a questo mio corso di scrittura. Ho ricevuto parecchie email, telefonate, contatti sul blog: Livorno ha risposto bene. E se stasera troverò 10 persone potrò dire che è un successo. Dopo tutti questi giorni di preparazione, articoli sul giornale, pubblicità e roba varia, direte voi, ti accontenti di 10 persone? Intanto “non mi accontento”, ma ne sono felice, perché non è facile convincere la gente, in una città relativamente piccola come Livorno, a sacrificarsi, magari dopo una giornata dura di lavoro. Uno cena, gli prende la pigrizia, dice “ma chi me lo fa fare!”. E li capirei. Per questo, se siete in dieci, festeggerò.

Gen 16, 2008 - blog life    8 Comments

La batteria… il mio amore eterno…

90164eb76fa23c39462c44a4b3e6fa15.jpg

 

  

Sì, non posso negarlo, anche se non suono più professionalmente ai livelli di qualche anno fa, la batteria è e rimarra sempre lo strumento che mi ha fatto scoprire il mondo, la musica, le persone importanti, grandi compositori, musicisti incredibili. Ho suonato di tutto, dal jazz al funky, dalla musica leggera al rock. Ho fatto parte di grandi orchestre in studio di registrazione mentre Morricone ci dirigeva con la sua bacchetta, ho visto in faccia Fellini quando ci spiegava come avrebbe voluto un certo ritmo per quella sua scena, ho stretto la mano a Benigni, parlato con Nanni Moretti, giocato a scacchi con lo stesso Morricone sulla consolle dello studio, ho suonato nei teatri italiani più importanti con Piovani, parlato di scrittura con Cerami. Insomma, ho vissuto. E ieri sera, in una sala prove vicino alle carceri di Livorno, in una via sperduta, difficile a trovare, abbiamo suonato con un bassista nuovo, Stefano, pisano. Va be’, gli abbiamo detto, anche se sei pisano nessuno è perfetto! Ma lui ci ha riso. Senso dell’umorismo, quindi. Buono. Suona abbastanza bene, ma proviene da un altro genere musicale e ha bisogno di essere sorretto per suonare pezzi jazz standard. E noi lo aiuteremo, perché ha stoffa. Annamaria, la cantante, Massimiliano, il pianista, ed io ci possiamo ritenere soddisfatti della prova e di Stefano. Benvenuto tra noi, quindi. Da ora inizieranno le prove serie, quelle che fanno divertire, sognare, in mezzo alle note che non possono non fare parte della mia vita.

Gen 14, 2008 - Parliamo di scrittura    15 Comments

Il corso sta per iniziare e…

Alcune persone mi hanno telefonato o scritto una mail chiedendomi se erano ancora in tempo ad iscriversi al corso che inizierà venerdì 18. Allora voglio essere chiaro anche sul blog: non ci sono problemi, chi è interessato ad iniziare le lezioni può anche venire direttamente venerdì. E poi c’è un’altra cosa che ho notato in chi mi chiede informazioni: il timore che in questo corso ci siano persone troppo “di livello”, qualificate. L’ho già detto: qui si scrive per creare qualcosa d’interessante e per scaricare le nostre energie. Certo, impareremo la tecnica, “studieremo”, ci confronteremo, ma con grande umiltà e voglia di fare qualcosa di utile per noi stessi. Tutto qui. A tra pochi giorni.

Gen 12, 2008 - Parliamo di scrittura    4 Comments

Un grazie a tutti gli intervenuti…

Sì, vi devo ringraziare, perché spesso la pigrizia, in una sera d’inverno, ci assale, e magari avremmo voluto andare, ma poi fa freddo, pioviggina, e allora meglio rimanere a casa al caldo, seduti su un comdo divano a guardare la Tv o a leggere un libro. Poi ci sono anche persone che per motivi seri non possono andare dove vogliono e allora di questo mi dispiace. Alla presentazione del corso di scrittura c’erano una quindicina di persone, e per una città come Livorno mi pare un successo! Io spero che quelli che sono intervenuti curiosi e spinti dalla voglia di fare qualcosa di positivo per se stessi, torneranno venerdì prossimo, il 18, e inizieranno un bel percorso creativo insieme a me. Ci divertiremo, ve lo garantisco. Qualcuno mi ha chiamato stamani, con il timore che questo corso fosse dedicato soprattutto a gente “speciale”, nel senso che hanno già esperienza nel campo e che quindi sono “un gradino più su”. Tranquillizzo tutti coloro che pensano che potrebbero fare una brutta figura: quelli che partecipano hanno solo voglia di scrivere, di passare un paio d’ore imparando qualcosa di bello e creativo. Lo ripeto: questo corso è davvero aperto a tutti, anche a quelli che non hanno mai scritto un rigo e che vorrebbero farlo. Siamo una famiglia, e io non sono “il professore che sale in cattedra”, sono in mezzo a voi. Dico poi che c’è ancora una settimana di tempo prima dell’inizio del corso, e chiunque voglia iscriversi può comunicarmelo via email, via post o farsi vedere il prossimo venerdì stesso senza preavviso!

Gen 9, 2008 - Parliamo di scrittura    3 Comments

Venerdì 11 gennaio, riunione per il corso

7eec9325b9736fe5432d994b11a719a6.jpg
 Sergio Consani
Ricordo agli interessati del corso di scrittura creativa che venerdì 11 gennaio ci sarà una riunione per parlare del programma. Il corso avrà la durata di due mesi, e le lezioni saranno settimanali, ogni venerdì dalle 21 alle 23, a iniziare dal 18 gennaio, nella sala riunioni dell’SVS in Via San Giovanni 30 a Livorno. Intervenite, non fosse altro per curiosità.
Pagine:12»