Archive from settembre, 2011
Set 13, 2011 - blog life    9 Comments

L’arte non si discute?

Statua Wojtyla(Medium).JPG

 

Pare che un certo Oliviero Rinaldi una mattina si sia svegliato e, colpito da raptus cattolico, si sia messo a disegnare ciò che poi, in bronzo, sarebbe diventata la statua dedicata a Wojtyla.

Non so, forse durante la notte ha avuto degli incubi, forse stava male, forse aveva litigato con la moglie, fatto sta che la sua fervida mente ha partorito ciò che i romani e i turisti di tutto il mondo vedono proprio di fronte alla Stazione Termini.

È alta cinque metri e mette un po’ di tristezza se la si guarda dal lato artistico. Ma l’arte non si discute, ognuno è libero di creare ciò che sente, e sarà poi la gente a valutare, a capire e criticare.

Nel bene e nel male l’artista esterna le proprie emozioni, anche se qualche volta il messaggio non viene recepito. Forse la statua sarà apprezzata nel tempo, magari tra cento anni, quando nuove generazioni riusciranno a capire le menti artistiche che attualmente sono “troppo avanti” per la nostra epoca. Ma a me non frega niente che qualcosa sia apprezzato fra un secolo, io, se vado a vedere un quadro, a sentire musica, se leggo un libro o guardo un film, voglio godere della creazione dell’artista ora. E se qualcosa non mi piace, pur se l’arte teoricamente non si discute e la piacevolezza è soggettiva, lo dico.

La statua a mio parere è orribile, caro Oliviero, e non te lo dico per puro spirito critico fine a se stesso, ma perché l’illusione del Papa che abbraccia il mondo o chiama a sé le anime perse, ritrovate o fedeli, è presuntuosa e mal riuscita. Ai romani non piace, a me non piace, ai turisti non piace. Piace solo ad Alemanno (ovvio, la difende) e a qualche altro servo delle istituzioni. Pura piaggeria.

Mi dava soggezione quando ho scattato qualche foto a quell’immenso agglomerato di bronzo, mi dava soggezione e io avrei voluto invece vivere una sensazione di pace, da scarso credente quale sono. Non ti offendere Oliviero, guarda, se un giorno leggerai un mio libro e ti farà schifo, dillo pure: ognuno è libero di dire la sua in questa tentennante democrazia, e facciamo presto, altrimenti ci cuciranno la bocca solo per aver criticato un’opera.

Tra l’altro, in questa foto che ho scattato, mi sembra il Duce. Mah!

Set 2, 2011 - cinema e tv    1 Comment

Vertigo Cinema e Teatro: i nuovi corsi

Vertigo cinema logo (Small) (Custom).jpg

Ecco che sta per riaprirsi la stagione e siamo di nuovo pronti per i corsi che si svolgeranno al Vertigo in Via San Marco a Livorno. Per saperne di più potete visitare due siti: il primo, www.vertigocinema.altervista.org e il secondo, www.vertigoteatro.it che vi forniranno tutte le informazioni. La nuova sede del Vertigo promette (e manterrà) molte novità, tra cui spiccano aule spaziose e comode, proiettori, un grande palco, musica e spettacoli teatrali a non finire. Io insegnerò sceneggiatura cinematografica, Marco Conte recitazione e Luca Dal Canto regia e storia del cinema. Gli attori, se lo vorranno, potranno avere un book fotografico e una scheda sui nostri siti web, gli sceneggiatori avranno l’opportunità di studiare alcune tra le sceneggiature più brillanti proiettando i film scelti, e i registi avranno a disposizione diverse ore di riprese oltre alla studio della tecnica. Insomma, per tutti coloro che abitano a Livorno e nelle zone limitrofe, si presenta una buona opportunità di avvicinarsi al cinema e al teatro. Vi aspettiamo.