La bellezza in evidenza

 

 

 

 

burqa, consani, blog, laportadeltirreno, sinistra, bersaniCi risiamo. Le leggi sul burqa e il niqab si inaspriscono. Diciamo la verità, vi parla uno che è di sinistra da quando venni alla luce e la mia prima parola non fu né babbo né mamma, bensì… Palmiro. Detto questo il fatto che una donna di altra religione passeggi per le strade delle nostre città, entri nei negozi, nelle banche o in qualsiasi altro posto pubblico con il volto coperto mi crea dei problemi.

Intanto, visti i tempi, sotto quel velo potrebbe esserci anche un uomo con intenzioni criminali, poi perché non si addice alla nostra cultura né alle nostre abitudini interagire con qualcuno senza volto.

La sinistra è contraria alla pena eventualmente inflitta a chi costringe la donna (ovviamente il marito e i suoi parenti) a coprirsi il volto, io invece no. Per una questione di rispetto e di etica che un qualsiasi cittadino del mondo che voglia venire in Italia deve seguire. Sono assolutamente contrario intanto al puro maschilismo atavico di certi popoli che ancor’oggi impone alle donne un comportamento che niente ha più a che vedere con il mondo di oggi, e soprattutto non ha niente a che spartire con il rispetto dovuto alle persone di sesso femminile. Se in ogni caso la loro religione dice questo, allora è bene che prima di varcare i confini di altri Paesi si rendano conto che le culture sono diverse e che devono essere rispettate tanto quanto noi rispettiamo le loro quando andiamo a fargli visita. Tra l’altro è risaputo che in quei Paesi dove ancora il burqa è considerato come parte integrante dell’abbigliamento femminile, se si viola qualche loro legge si rischia ben altro che un anno di prigione. Per cui, cari islamici (contro i quali non ho assolutamente niente), se volete venire a vivere da noi siete i benvenuti, ma non vi ostinate a seguire le vostre regole; semmai seguitele all’interno delle vostre case, ma se la legge italiana prevede che si debba andare in giro a viso scoperto (anche per motivi di sicurezza oltre che al rispetto per la donna), seguite la legge.

Ecco che non capisco quindi perché il PD si sia rivoltato contro una legge che ritengo giusta, soprattutto quando è l’uomo che considera ancora la donna come un oggetto o un semplice elemento della Terra che deve solo pulire, cucinare, fare i figli, assistere il marito e stare sempre zitta. Bersani svegliati, c’è ben altro da fare che contestare il giusto, l’etico e il democratico.

La bellezza in evidenzaultima modifica: 2011-08-05T19:41:44+02:00da sergio0591
Reposta per primo quest’articolo

Commenti

La bellezza in evidenza — 2 commenti

  1. Oltre che per una questione di sicurezza, perché giustamente sotto quel velo si potrebbe nascondere chiunque (ne approfitterebbero subito anche i delinquenti nostrani, che credete?), è una forma di rispetto stare alle regole del Paese dove andiamo.
    Le nostre donne, se vanno nei Paesi musulmani, si coprono la testa con un foulard, se andiamo in una sinagoga o in una moschea dobbiamo toglierci le scarpe o coprirci la testa con una papalina.
    Perché allora non dobbiamo far rispettare le nostre leggi e la nostra cultura?
    Non avevo notato che Bersani avesse fatto il Bastiancontrario… ma probabilmente è una regola dell’opposizione contestare sempre le leggi del governo.
    Bersani svegliati, non è una questione di coerenza al tuo partito, qui si tratta di una legge che tutela la nostra società, la società di tutti, compreso la tua!

    Buongiorno fratellino!

  2. Direi che ci risiamo…
    non è possibile gestire problemi di livello sociale che non dovrebbero avere un’identità poliica, ma bensì un comune senso della civiltà da parte di tutti i partiti in maniera così infantile…
    andremo poco lontani a fare certe questioni inutili…
    buona serata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *