Giu 2, 2011 - Senza categoria    12 Comments

Un calcio nel culo

 

 

Pallone.jpg

Si concretizza una volta ancora nella mia mente l’idea che una buona percentuale degli esseri umani è da buttare. Tanto per prendere ad esempio l’ultima, gli scandali nel calcio. Signori, Bettarini, Doni e compagnia bella sono (fino a prova contraria) indagati – e alcuni già arrestati – per aver manipolato le sorti di alcune partite. Calcio scommesse. Cioè soldi. Possibile che l’Uomo – un certo tipo di uomo – per il denaro si debba sempre macchiare di colpe? Perché non si accontentano di ciò che un lavoro normale e onesto potrebbe dargli? C’è chi spaccia, chi ruba, chi traffica armi, e poi, alla fine, ricco e contornato da ogni bendiddio, è rispettato e temuto. Il fatto è che che c’è gente che stima questi uomini perché in fondo “si sono fatti da soli”. Complimenti a chi li stima. Io, senza mai aver avuto la voglia di scendere a compromessi, vado in giro con un’auto vecchia di dieci anni, mi arrabatto per arrivare alla fine del mese, spero ancora che, scrivendo libri, qualcuno li compri, mentre altri, attratti dal denaro facile, ammazzerebbero la madre pur di avere il potere. Mi vanto di essere così, anche se spesso alcuni non capiscono. Figli compresi. Voglio morire dignitosamente, ho sempre detto a me stesso, e questo è un punto d’arrivo. Mi vanto di essere onesto. Non è poco oggigiorno. Un calcio nel culo ai calciatori e a tutti quelli che pensano che la vita sia solo un cospicuo conto in banca, un Suv e una maglietta firmata.

Mag 11, 2011 - blog life    3 Comments

Un saluto a Wouter

Wouter.jpg

 

E’ triste vedere un ragazzo così giovane riverso per terra, vicino alla morte, senza poter combattere. La morte è cieca, inesorabile. Non cattiva, è solo priva di occhi e di cuore. Va un po’ a casaccio, forse, spara nel mucchio. Oppure è legata al solito sottilissimo filo del destino? Chissà. Non lo sapremo mai se non un giorno, quando anche noi – augurandoci il più tardi possibile – da lei saremo catturati. Wouter Weylandt, uno sportivo, un ciclista, un giovane di belle speranze. E non c’è più. Livorno, all’arrivo della tappa, si è presentata con il groppo alla gola sul traguardo, ha accolto i corridori con un lungo, commosso e sentito applauso. Non mi dilungo in frasi retoriche, perciò saluto Wouter. Lo abbraccio. Gli sono vicino, così come sono vicino a tutti coloro che perdono la vita troppo presto, quasi senza ragione. Un mistero irrisolvibile.

Apr 19, 2011 - blog life    9 Comments

Diabolik o Plastik?

imagesCADM09M2.jpg

Diabolik, decisamente. Certo, lui è un criminale del fumetti, le cui gesta non vanno imitate, ma è un fumetto di qualità, con belle storie e grandi disegnatori. Plastik invece non è un eroe dei fumetti, bensì una trasmissione che stasera, 19 aprile 2011, nell’anno del signorberlusconi, in prima serata andrà in onda su Italia 1. Premetto: non sono un moralista, né un bigotto, ma un accanito sostenitore del pensiero e della libertà altrui. Nonostante ciò mi viene da dire una sola parola: vergogna. Vergogna a chi conduce questa trasmissione (la Santarelli), vergogna al chirurgo plastico che parteciperà, vergogna a coloro che fanno i palinsesti, vergogna alla televisione. Siamo davvero alla frutta. Il medico chirurgo intervistato oggi in tv ha detto che poiché i giovani di oggi amano la bellezza e per apparire bisogna essere belli, gli interventi chirurgici ti consentono di ottenere quella bellezza voluta. E pare che le ragazze amino rifarsi il seno appena ne hanno la possibilità (leggi maggiore età). Ma voi donne pensate davvero che a noi uomini (perlomeno la maggioranza) piacciano quei seni grossi come cocomeri? Pensate davvero che ci potremmo eccitare nel toccare un pezzo di plastica piuttosto che sentire magari due seni non più turgidi ma con una consistenza naturale? Non date retta a coloro che vi invitano ad andare dal chirurgo, non date retta a Plastik, non seguite la via dell’apparire, ma quella dell’essere, dell’essere naturali, intelligenti, brillanti, spiritose. In prima serata… ma ci rendiamo conto che razza di messaggi questi produttori televisivi mandano alla gente e soprattutto ai giovani? Ma non avete il benché minimo rispetto per la mente umana? Ma già… l’importante è lo share, e siccome sapete bene che migliaia di ragazzi rincoglioniti (da voi) vi seguiranno, voi continuerete con questa politica del “chirurgia è bello”. Complimenti. Io mi faccio il culo a scrivere romanzi, sceneggiature, insegnare, inventarmi le cose e poi… e poi non pubblico con la Mondadori perché se non hai commesso qualche omicidio, non sei finito sulla cronaca nera o non ti sei portato a letto qualche ragazza di successo col cavolo che pubblichi con loro! Ma lo so, lo so… sto sparando nell’acqua, sto tirando pugni al vento contro, sto urlando al getto di una cascata! E c’ho pure 60 anni! E ancora non ho imparato che il mondo va così, alla rovescia.

Apr 13, 2011 - cinema e tv    1 Comment

Corso di Editing & Digital Direction

imagesCAK8ER2V.jpg

La Provincia di Livorno e I.FO.TER. informano che sarà attivato un corso di Editing & Digital Direction. Si svolgerà a Livorno, dal 10 maggio al 15 giugno 2011.

I docenti saranno, oltre a me che insegnerò sceneggiatura, Marco Sisi, Luca Dal Canto e Marco Conte, per montaggio, regia e recitazione.

Per leggere il bando, vedere quali documenti servono per l’iscrizione e le modalità di presentazione delle domande, collegatevi qui: http://www.laportadeltirreno.it/icms/opencms/LaPortaDelTirreno/index.html

Nell’articolo troverete ogni dettaglio.

Apr 5, 2011 - blog life    7 Comments

Un tuffo nel presente

occhio.jpg

Nell’incertezza di un domani, rileggo a fondo pagine del mio passato, là dove ancora la speranza di concretizzare i sogni, di costruire il nuovo, di realizzare le proprie aspirazioni era solida. Solida la speranza, ma non la certezza che tutto filasse liscio, perché il futuro non ha occhi per seguirti lungo la via della vita. Il futuro è girato di spalle, non si accorge di te se non quando lo passi, e allora è già passato. Leggo i vent’anni, i miei vent’anni, quando ancora uno spinello era come il soffio mefistofelico del diavolo, quando scrivere sui muri era più che indecoroso, quando i giocattoli erano pochi e belli e te li costruivi spesso da solo. Leggo e vedo. Vedo il sorriso, la voglia, la sicurezza di un punto d’arrivo. E vedo gloria, soddisfazioni, successo professionale, gente bella conosciuta, gente cattiva che ti forma, amori, figli dell’amore, lacrime, separazioni, morti. Guardo il passato e mi accorgo di una cosa: che ho vissuto. E non è male, non è poi così male. Guardo e vedo il denaro. Anzi, non lo vedo, o perlomeno ne vedo poco. Guardo e vedo gente, che del denaro ne fa una ragione di vita, che stila una classifica: io non sono ai primi posti, addirittura verso gli ultimi. Perché? Perché non ho la macchina nuova fiammante, o un bel conto in banca, o tanti soldi per le vacanze esotiche. Per loro sono un fallito. Per me sono falliti loro, tutti. Perché hanno fallito con la loro anima, la loro generosità, mancando il vero senso della vita: amare a prescindere. Lo vedo, lo vedo in questo momento.

Mar 30, 2011 - blog life    4 Comments

Considerazioni su Saviano

images.jpg

Domani sera, giovedì 31 marzo, accolto dal tepore della tanto attesa primavera, Roberto Saviano presenterà il suo libro alla Gaia Scienza di Livorno. E’ un peccato che, per impegni di lavoro, non potrò esserci. Ma non è questo il punto: Saviano l’ho ascoltato tante volte in Tv e, anche se avrei voluto essere lì vicino a lui domani, voglio spendere due parole per questo giovane scrittore che vive la sua vita a metà. Non so se Saviano è un uomo tanto coraggioso da aver voluto sfidare le organizzazioni mafiose volontariamente, non sono sicuro che fosse cosciente della risonanza mediatica che i suoi libri avrebbero avuto. Ma non importa; è importante invece che adesso lui continui a denunciare la camorra, a instillare nella mente dei giovani che non si è uomini solo se si ha una pistola in tasca, se si uccide qualcuno o si chiede il pizzo a un commerciante. Saviano arriva in questa nostra libreria scortato dai poliziotti, la gente che andrà ad ascoltarlo sarà perquisita, a una certa ora non si potrà più entrare. E forse non potrà neanche stringere la mano a qualcuno, non si fermerà all’Antico Moro a mangiare del buon pesce come farebbe qualsiasi altro scrittore “normale”. Sono con lui, solidale, vicino ai suoi pensieri e alle sue parole, concetti, denunce. Io credo che tu abbia paura, Roberto, paura che qualcuno potrebbe ammazzarti per vendetta, e se hai paura – come mi pare di averti sentito accennare velatamente in qualche tua apparizione televisiva – allora ti sono ancora più vicino, perché la paura è umana, e non si può non aver paura del male. Ti auguro una buona serata, e sono sicuro che i livornesi – lo leggerò l’indomani sul quotidiano della città – ti applaudiranno a lungo, ti sorrideranno, ti vorranno toccare, stringerti la mano. Non aver paura di loro: loro sono il bene, come tutti gli altri delle altre platee di tutte le città d’Italia.

Mar 13, 2011 - blog life    13 Comments

NO AL NUCLEARE

imagesCA0SVO3A.jpg

Non saranno bellissimi a vedere, né le pale eoliche né i pannelli solari, forse in qualche modo “deturperanno” l’ambiente (ma c’è chi deturpa molto di più con alberghi, case abusive, disboscamenti…) ma tra un campo un po’ meno verde e l’idea di essere contaminato da radiazioni scelgo senz’altro la prima soluzione. Le centrali nucleari del Giappone, nonostante siano state costruite con il massimo della sicurezza, ci danno prova che non esiste la sicurezza per eccellenza, che qualcosa può sempre accadere. E quando qualcosa si guasta in una centrale nucleare i rischi sono molti. E poi le scorie. Dove vanno a finire questi rifiuti radioattivi? Li spariamo nell’Universo? Li sotterriamo? Li gettiamo in mare? Il nostro Paese ha il vento e il sole: sfruttiamoli. Non diamo retta a coloro che in tv, durante i soliti noiosissimi e litigiosi talk show ci rassicurano dicendo che da noi non ci sarà mai un terremoto di magnitudo 8,9, che le centrali sono sicure e ci faranno risparmiare. Non diamo ascolto a gente come loro che vorrebbero il nucleare per un solo scopo: il denaro. Basta. Basta con gli interessi, basta con lo sfruttamento, basta essere presi per il culo. Voglio un Paese pulito, per tutti noi e soprattutto per tutte le nuove generazioni che verranno. Basta con questo Governo. Basta.

Mar 7, 2011 - blog life    16 Comments

A bocca aperta…

imagesCAG8F5JX.jpg

Durante un’intercettazione (letta su un quotidiano) una madre chiede alla figlia quanto le abbiano dato per aver partecipato (e chissà se per una prestazione sessuale completa o…) a una delle feste ad Arcore. “Mi hanno dato 6000 euro!” risponde la ragazza. La madre è soddisfatta e le risponde che 12 milioni delle vecchie lire sono una buona somma. Ecco, in questo caso non m’interessa parlare di Berlusconi e i suoi festini: ormai è un argomento scontato e poi dovrà affrontare un processo, quindi lasciamolo stare. Mi indigno (sì, ancora mi indigno) per quella percentuale neanche troppo bassa di genitori che spinge i propri figli ad approfittare della stupidità di certi uomini di potere che con il denaro pensano di poter comprare tutto. Sono tante le madri che inculcano nelle menti delle loro figlie che sfruttare gli uomini ricchi sia giusto e morale. È l’assoluta vergogna delle menti ignoranti, della bassezza, dell’opportunismo. Per certe madri le loro figlie devono “farsi una posizione”, trovare un uomo che le facciano fare una vita agiata, ricca, senza problemi. E queste figlie cosa possono imparare da certe madri? Solo come diventare delle vere mignotte. Una signora su Facebook, a proposito di questo argomento, mi ha detto che è colpa degli uomini che vogliono sempre “quello” se oggi siamo in questa situazione. Be’, io le ho risposto che se noi vogliamo solo “quello”, non è che le donne facciano qualcosa per non darcela. Se io chiedo e lei me la dà… mica è sempre colpa mia. Basterebbe rispondere con un no. Si vergognino queste madri, si guardino allo specchio e si chiedano perché spingono le figlie a diventare ciò che la nostra anima, quella pura, non vuole. Ma come facciamo a farglielo capire? Mica vengono qui a leggere questo post. Tanto lo so già che chiunque passerà da qui lascerà un commento che mi darà ragione, e invece mi piacerebbe che qualche donna – che fa certe cose – venisse qui e mi spiegasse il perché. Ma questa gente è troppo vigliacca. Si rimane a bocca aperta di fronte a certe storie. Perfino la Lewinsky.

Feb 28, 2011 - blog life    10 Comments

Il mondo sta cambiando

images.jpg

Il mondo sta cambiando radicalmente. Oggi c’è la Libia che si ribella, e non è il primo Paese di quella zona fragile e pericolosa come una polveriera che lo fa. Gheddafi si ostina a mantenere un potere che ormai, alla luce dei fatti, ha perso. La gente si sveglia, Internet e i social network danno la possibilità di vedere oltre ogni confine, di capire che c’è qualcosa di meglio che non il burqua, l’excissione del clitoride, l’infibulazione, i regimi, la corruzione. La democrazia non è solo un sostantivo che si trova sul vocabolario, descritta come una forma di governo in cui la sovranità appartiene al popolo; la democrazia deve essere messa in pratica, adottata da ogni Paese. E ci riusciremo, piano piano ma ci riusciremo. È lunga la via verso una pace mondiale, è lunghissima la via prima di estirpare dalle menti dei martiri l’idea che essere un kamikaze porterà poi a sederci accanto a Dio, Allah o come questo dio lo volete chiamare. È ancora più lunga l’idea di sconfiggere la corruzione, ma se i popoli sono ben governati forse una piccola speranza esiste, perché la corruzione è solo una conseguenza di malesseri e frustrazioni. Certo, è addirittura forse utopistica l’idea di cambiare le menti di chi invece ci governa, perché sono loro che alla fine, chiusi nel vortice del potere, credono di essere invincibili, eterni, al di sopra della legge e quindi sono loro stessi a creare quei malumori nel popolo. Difficile che un onesto politico non si lasci catturare dai pericolosi ingranaggi del Potere, quello con P maiuscola; è l’Uomo che ha nel Dna il seme del male. E mi verrebbe da dire che, pur incontrando un uomo di potere “onesto”, anche lui ha un suo prezzo. C’è il lato positivo nell’Uomo però, come in tutte le cose: che il seme del bene è sempre più forte del suo opposto, ed è per questo che la speranza che un giorno la vera democrazia, la non corruzione, i buoni governi, i poteri giusti e la disciplina non imposta ma voluta prenderanno il sopravvento. Non ho idea di quando accadrà, ma accadrà.

 

(l’immagine è da ilcannocchiale.it)

 

Feb 23, 2011 - blog life    1 Comment

Autocensura

Mi autocensuro, sì. Ho tolto l’ultimo post che avevo scritto, perché mi sono reso conto che forse era troppo duro. Molti hanno scambiato la mia lista dei cattivi per una critica, quando in realtà era un modo provocatorio per svegliare le menti di qualcuno. Poiché l’idea di criticare la gente non è nelle mie corde, allora ho cancellato il post. Se qualcuno se l’è presa mi dispiace.

Pagine:«1234567...23»