Archive from dicembre, 2011
Dic 30, 2011 - blog life    9 Comments

2012

 

2012.jpg


Nessuno rimpiangerà questo 2011, ne sono sicuro. Almeno tra la gente normale, quella che fa fatica ad arrivare all’ultimo giorno del mese e si ritrova il portafogli vuoto, miseramente vuoto. Oppure la gente che lavora in un ufficio, in una fabbrica, in un negozio. La maggioranza, insomma. La maggioranza non rimpiangerà questo anno in cui si è visto di tutto, dalla caduta di Berlusconi (a mio avviso l’unico nota positiva, grazie a Dio), alla crisi economica, gli aumenti senza freni, la disoccupazione, l’Equitalia degna del più sfrenato strozzinaggio, e chi più ne ha più ne metta.

Non esistono più le mezze stagioni, ma le mezze calzette che spuntano come funghi nel variegato mondo della politica non muoiono mai. Così come parecchi giornalisti smaccatamente di parte (di qui o di là) che non hanno più una vera e propria opinione giornalistica obbiettiva, di informazione, di super-partes, ma si lasciano catturare nelle spire del potere e dei padroni.

Non lo rimpiangerò neanch’io questo 2011, primo perché appartengo alla razza dei “normali”, e poi perché questo terzo Natale lontano da mia figlia pesa come un macigno sulla schiena. Ma non andrò oltre.

Auguro a lei e a mio figlio un anno nuovo stracolmo di amore, perché questa è l’unica cosa che può far cambiare le persone e, usando un po’ di sana retorica, potrebbe far migliorare l’intero mondo.

Non c’è da stare allegri pensando a cosa potrà accadere nel 2012, a parte la profezia dei Maya che ci condanna ad una totale estinzione il 21 dicembre (meno male, così mi risparmio un altro Natale); l’economia di questo Paese è fragile come carta velina, non vedo spiragli di crescite, di evoluzioni, di schegge di coraggio. Sì, perché il coraggio, in queste situazioni, è il motore per riprendersi, per uscire da questo pozzo profondo come la fossa delle Marianne. Osare per essere credibili, inventare, dare libero sfogo alla creatività che all’italiano non manca.

E allora adesso entra in gioco la speranza, perché senza di essa non si vive, ci si abbrutisce, ci si logora.

Buon Anno a tutti.

Dic 7, 2011 - Senza categoria    6 Comments

Impìccati!

cappio.jpg

Stava per uscirmi spontaneo ieri, ma l’ho solo pensato, per rispetto all’età. Si sa, in questi giorni tutti parliamo di crisi, di riforme, di Monti. Diciamo che sono sempre i soliti a pagare e che è difficile andare a colpire i patrimoni, quelli veri, quelli dei ricchi per davvero. Diciamo che non se ne può più, che la gente non arriva alla fine del mese, e così via. Tutte cose vere. Vero anche quando in tv, nei soliti talk-show, si chiede come mai la Chiesa non paga la tassa sulle proprietà immobiliari e non si ha mai una risposta precisa, decisa, convincente. Questo dà ancora una volta l’immagine del Potere che se ne frega di noi poveri comuni mortali. A loro non si possono toccare i patrimoni, neanche la politica ci riesce, neanche i tecnici che ci governano ora. E quindi aumentiamo la benzina e ritocchiamo le pensioni. Bravi. La tassa sulle auto di lusso e le barche? Ah! Ah! Ah! Rido. Gli fa un baffo quella tassa a chi c’ha uno yacht! Comunque… veniamo a noi. Ieri, dicevo, stava per sfuggirmi un “impiccati!”, perché ero in una gioielleria (per lavoro) e, parlando del più e del meno, con questa signora di una certa età, discutevamo, come al solito, di crisi e riforme. “Eh… è un momento tremendo…”, mi fa, “la situazione è grave. Pensi che per l’altro negozio che ho in centro, che è di 170 metri quadrati, ora dovrò pagare un sacco di soldi. E poi anche questo negozio, e poi la casa. Non solo… mi tocca anche pagare l’Ici della casa che ho nell’isola di… X!”. Ho tagliato corto, non le ho risposto e me ne sono andato. A questa gente mi viene semplicemente da dire, oltre al fatto che un bel cappio intorno al collo non guasterebbe: ma perché non ve ne andate gentilmente un po’ affanculo?