Archive from novembre, 2011
Nov 20, 2011 - blog life    4 Comments

Equilibrio

 

Poliziotti.jpg


Equilibrio. Una parola che sembra essere destinata alla sola Natura. E se la Natura inizia a soffrire di una mancanza progressiva di equilibrio, le cause vanno lette nel comportamento dell’Uomo. E poiché l’Uomo è notoriamente e ancestralmente disequilibrato, ciò che oggi viviamo è la conseguenza di un atteggiamento poco etico, immorale, disonesto e arrivista del genere umano. La peggior razza vivente su questo pianeta.

Quando poi un essere umano si trova a far parte di un “branco” le cose peggiorano notevolmente. Si hanno molti esempi di ragazzi, addirittura minorenni, che rapinano, violentano e uccidono in virtù di una forza psicologica che il gruppo regala. E il branco negativo si forma anche in quello che dovrebbe essere un punto di riferimento per la sicurezza delle persone. La Polizia, appunto.

Non ho niente contro i poliziotti, quelli cioè che, per un misero stipendio mensile, rischiano la vita per difenderci da ogni sorta di crimine; non ho niente contro i poliziotti che hanno fatto del loro mestiere una missione. Ce l’ho con quelli che, nascosti dietro caschi e divise antisommossa, si rendono anonimi e appaiono come tristi e pericolosi automi degni di un film di fantascienza ambientato nell’anno 3000.

Ultimo esempio di “branco” è quello di quei poliziotti che, negli Stati Uniti, hanno spruzzato addosso a degli studenti scesi in piazza per una dimostrazione, una sostanza urticante. In ginocchio, alla mercé della Polizia, hanno subito una “tortura” come se fosse stata partorita della fantasia di un regista hollywoodiano.

Nascosti e anonimi, questi poliziotti si sentono forti, sanno che nessuno può riconoscerli, che non potranno subire ritorsioni. E allora, nel buio del loro nascondiglio, in loro si scatena una forza negativa e violenta che trova sbocco nel più debole. Anche in Italia succede la stessa cosa, e in quasi tutti i Paesi del mondo.

I telegiornali ce ne mostrano a decine di questi soprusi e abusi di potere.

E allora ti chiedo, poliziotto che in questo momento sei appena tornato a casa e che per pura coincidenza sei finito nel mio blog: come ti senti ora che sei al sicuro in famiglia, con tua moglie che ti sta preparando il pranzo e i tuoi figli che stanno giocando allegramente nel salone? Quando hai tolto quel casco e l’hai riposto nell’armadietto, non hai sentito alcun senso di colpa? Non ti sei sentito un servo del potere? Non ti sei sentito forte con i tuoi compagni e debole adesso che stai leggendo queste righe?

Fatti un esame di coscienza, pezzo di imbecille di poliziotto che non sei altro, pensa ai tuoi figli che credono di avere un padre eroe che lotta per una sana giustizia, pensa a tua moglie che condivide la tua casa, il tuo letto e le tue giornate con l’idea di avere vicino un vero uomo.

 

Nov 5, 2011 - blog life    9 Comments

Il tempo, silenzioso e inesorabile…

 

Amore mio, i giorni passano, lenti e inesorabili, ma i mesi e gli anni non riesco ad agguantarli, a frenarli neanche per un secondo in più. E così il mio sguardo si fa meno lucente, la pelle non ha pudori nel mostrarsi appassita, i capelli, pian piano, trovano altra destinazione, sul pavimento, sulle strade, suorologio.jpglla terra. E non c’è niente che possa farci tornare indietro, maledetto tempo. Tutto è andato, così come queste parole che scrivo, che basta premere un tasto e già il presente è morto, è già futuro, e ora non più. E’ tutto passato. E allora un giorno quando mi vedrai lo so che ti scenderà qualche lacrima, è inevitabile, perché forse pensavi di rivedermi come prima. Nella tua immaginazione il mio viso è quello di allora, il mio incedere è fluttuante e sicuro, la mia forza simile a quella di un toro. E invece non è così, perché l’immaginazione a volte fa dei brutti scherzi, e la realtà assomiglia molto a un film in bianco e nero, con la pellicola graffiata, usurata dal tempo. Ecco perché piangerai. E poi quanto tempo perso, quante parole non dette, quante spiegazioni mancate, quanti fraintesi, quanto orgoglio. Eppure la vita è talmente breve che neanche una freccia scoccata da un arco dura così poco. Non ci daranno un’altra chance, è bene prendere visione della vita e della morte, e se una chance ce la daranno sarà perché saranno le nostre anime a incontrarsi, ma io non sarò più l’uomo di adesso, forse sarò una donna, forse di colore, africana, oppure cinese, o canadese, non so. E t’incontrerò, questo è certo, ma saranno solo le anime a saperlo, non i nostri sensi. E i miei sensi, quelli umani, quelli che gioiscono per un tramonto o un gelato assaporato d’estate, hanno bisogno di sentire il tuo odore, come quando profumavi di talco, hanno bisogno dei tuoi occhi e della tua voce. E invece le lancette dell’orologio non si fermano mai. Provo a romperle quelle lancette, getto lontano quell’orologio cinico e spietato. Ma non serve, perché l’indomani mi accorgo che il tempo non è racchiuso e intrappolato in quelle lancette, ma nel nostro cervello. E cammino meno sicuro, senza arrendermi, è chiaro, perché mai nessuno come me ha avuto tanta forza per combattere contro il male. Sono libero adesso, libero dalla schiavitù di donne insopportabili, meschine, isteriche e egoiste. Libero di mangiare ciò che voglio, di scrivere, di suonare, di lavorare, di essere. E continuo ad amare, senza timore, perché amare vuol dire uccidere il tempo, sopprimere l’orgoglio, essere liberi, appunto. Mi vedrai e piangerai. Ma spero di poterti guardare ed essere lì per asciugarti quelle lacrime, perché se piangerai troppo tardi, il tempo non ti perdonerà.