Archive from gennaio, 2011
Gen 24, 2011 - blog life    29 Comments

Viva l’Italia?

images.jpg

Viva L’Italia, caro De Gregori? Viva l’Italia di adesso? E perché? Cos’è che continua a farci battere il cuore quando parliamo del nostro Paese? Forse solo quando siamo lontani, in un altro Paese, sperduto chissà dove. Allora sì che ci si commuove all’Inno di Mameli, si sogna il ritorno alle radici, non vediamo l’ora di parlare la nostra lingua con gli altri. E poi come si fa a non pensare al mare, alle montagne, al buon vino, al cibo quando ci separano migliaia di chilometri? Mi ricordo, tempo fa, dopo aver vissuto cinque anni negli Stati Uniti, il ritorno a casa. Sull’aereo il Comandante annunciò che stavamo sorvolando le Alpi e che stavamo entrando in Italia. Incollai il naso al finestrino e guardai di sotto: era una giornata di sole, il cielo era limpido e scorsi le Alpi innevate. Uno spettacolo della natura, un panorama onirico, una parte della nostra anima. Deglutii per fermare le lacrime di commozione, ma un paio riuscirono a scendere e solcare le guance, libere. Ora invece sono qui e non riesco più a commuovermi per questo Paese, se non quando vado a guardare i “miei” tramonti sul mare o passeggio per le strade della città vecchia. Rimane solo la natura per essere felici, ma devi scegliere il posto giusto, perché anche quella è stata ferita a morte, deturpata senza rispetto. Abbiamo un governo che fa acqua e ci ha resi ridicoli di fronte al mondo; un’opposizione che non si oppone neanche se proponessero la pena di morte; un popolo che segue “Uomini e donne” e il “Grande Fratello”, che cambia canale se c’è la recensione di un libro o un’opera di Mascagni. C’è un popolo che non va più allo stadio perché ormai il calcio è un business televisivo. C’è un popolo ignorante che non legge ma che in compenso ha più case editrici della Francia i cui lettori, rispetto ai nostri, sono di 4 a 1. C’è un popolo che avrebbe voglia di fare una rivoluzione per mandare a casa questi politici ridicoli, opportunisti e incapaci, ma che non ne ha più voglia. C’è un popolo che vorrebbe essere onesto e che invece è sopraffatto dalla criminalità organizzata. C’è un popolo, un piccolo popolo, che vorrebbe vedere morto Roberto Saviano, e che non si rende conto che uomini come lui rischiano la vita per essere onesti. C’è un popolo che amo e che ormai sembra che non voglia più essere amato da nessuno. Viva l’Italia, Francesco, quella che è dentro di noi.

Gen 20, 2011 - blog life    3 Comments

Yes, we could

Shaun.JPG

Good morning son. I woke up and I thought to write a post for you, even though my blog is in Italian and people here won’t understand why I’m doing it. On the other hand English became an international language and most of the people know it, many in a elementary way, but sufficiently to understand the meaning. I should keep for me, I suppose, my emotions and not to show them to everybody, but why not to do it if a blog is also a way of giving people a part uf us? I’d like to thank life for giving me a son who had the strenght to be what you are today. You are a man now, with all the heavy problems that a man has to carry during his life, and I know that you’re handling them as one should do: with patience, intelligence and love. I’m proud of your strenght, and a little less proud of myself if I think about the father I’ve been and how I could have been if life made me different. But it’s too easy to say “if”; I was born in a way and I tried to be a better man during this hard, long street. Did I do it? I don’t know. May be. I can’t judge myself, but you and Silvia, “your sister” will do it. What I can give both of you, through the words, is the only thought of love, wich it may be not enough, but it’s the only thing I have. Sometimes I wonder why God gave us so many pains and what is his project, that’s why I ask him to do me a favor: do whatever you want with me, but don’t let my son and my daughter loose respect and love for me. I don’t deserve it, even if I’m not perfect. Whatever I did, I didn’t want to hurt anybody. Take care, son, and don’t forget that love is the only thing that moves people and souls.

Gen 18, 2011 - blog life    13 Comments

Non ci siamo Silvio, non ci siamo…

imagesCA0KAJKC.jpg

Hai rotto le palle, Silvio, te lo dico come se fossimo vecchi amici, anche se forse tu ed io non saremmo mai potuti essere amici. Chissà. Hai rotto le palle perché adesso con questa storia di Ruby e di tutte le altre signorine mezze mignotte (mezze si fa per dire) la gente si è distolta dai veri problemi che assillano questo nostro povero Paese. Sembra quasi che – paradossalmente – tu ti sia messo d’accordo con i magistrati spiegando loro che se il popolo volge lo sguardo verso un accadimento così futile e idiota (ma pruriginoso) e ne viene attratto, allora tutto il resto passa in secondo piano, e questo ti fa gioco. Ci sono gli operai della Fiat da salvaguardare, Silvio, c’è gente senza lavoro, i pensionati che non arrivano alla fine del mese, noi artisti che con tutti i tagli che avete fatto campiamo male e alla giornata, ci sono le strade dissestate, l’immondizia che ci strangola, la burocrazia, la giustizia lenta, la violenza, la benzina che sale, i commercianti che aumentano i generi alimentari senza un vero controllo. Senti quante cose ci sono, Silvio. E gli italiani si fanno rincoglionire dalle notizie dei tg, e aspettano di sapere quante donnine c’erano nella tua villa a Arcore, aspettano di sapere il tariffario degno di un casino di altri tempi. Sul giornale oggi c’era scritto… (senza omissioni né tagli censori) 300 euro per un pompino… 300 euro per una notte… ecc. Le intercettazioni di una telefonata tra Fede e quella rifatta della Minetti. Un puttanaio, un vero puttanaio. Ma l’essere umano ci si crogiola in queste notizie, l’essere umano è un guardone (altrimenti non guarderebbe il Grande Fratello, figlio tuo). Insomma Silvio, hai rotto le palle con i tuoi capelli trapiantati e il tuo non governare. E poi smettila di raccomandare gente come la parlamentare Maria Rosaria Rossi o come altre mignotte (non mezze) che infili dappertutto. La gente ora ha bisogno di gente seria che governi, che dia affidamento, che non faccia demagogia. E poi, anche se a me delle tue prestazioni sessuali e di chi ti porti a casa non me ne frega niente, ti consiglio vivamente di sceglierti persone che abbiano un minimo di senso del pudore. Voi siete quelli che dovreste dare l’esempio al popolo, e se voi combattete la prostituzione e poi a casa vostra ci portate le mignotte pagandole profumatamente, la nuova generazione cosa deve pensare di voi? Sei fortunato Silvio perché c’hai una valanga di soldi, ma ricordati che tra un po’ (quando sarà il tuo momento, intendo) lascerai questo mondo, come tutti, e la tua anima dovrà essere ripulita un bel po’ prima che ti riaffacci in questo mondo per viverti un’altra vita. Da operaio.

Gen 14, 2011 - Parliamo di scrittura    No Comments

1° febbraio: nuovo corso di scrittura creativa

scrittura.jpg

Nuovo corso di scrittura creativa, tenuto da Sergio Consani, che inizierà a Livorno il 1° febbraio 2011. Il corso avrà la durata di quattro mesi e le lezioni si terranno al Centro Sociale Borgo, in via degli Asili 47 (con parcheggio interno), ogni martedì, dalle 21 alle 23. Si lavorerà sulla tecnica del racconto e del romanzo, la struttura di una storia, l’incipit, come trovare un’idea, gli intrighi, la caratterizzazione dei personaggi, il protagonista, l’antagonista, i finali. E poi saranno prese in esame le trame di alcuni libri famosi per studiarne i colpi di scena, gli intrecci, la forza dei personaggi.

Il corso è aperto a tutti, non ci sono limiti di età e soprattutto non ci sono limiti di bravura: ognuno ha il diritto di mettere su carta le proprie emozioni, semplicemente, senza pudori e cercando di confrontarsi con gli altri.

Per info e costi scrivere a sergioconsani@alice.it oppure telefonare al numero 338/2170128.

Sergio Consani è scrittore e sceneggiatore, e attualmente insegna sceneggiatura cinematografica alla Scuola di Cinema Vertigo, nell’ambito di un progetto che vede coinvolti Marco Conte (insegnante di recitazione) e Luca Dal canto (insegnante di regia e storia del cinema).

Ha scritto cinque romanzi. L’ultimo, un e-book, uscito a dicembre 2010, s’intitola “Lo storno e la poiana”, edito da Prospettivaeditrice. Il sito web dell’autore: www.sergioconsani.altervista.org

 

Gen 8, 2011 - blog life    5 Comments

Silvie Bansky

bansky.JPG

Conosco tuo padre, Silvie Bansky, un certo S. Bansky, e conosco la vostra storia. Hai cambiato nome, e fin qui niente di strano; ma il cognome no, non avresti dovuto, neanche per scherzo. Magari il tuo è un gioco, una sfida, un voler ferire tuo padre dimostrandogli che sostituendo il tuo vero cognome con un altro inventato puoi allontanarlo ancora di più di quanto tu non abbia già fatto. Come dire… mi chiamo Bansky adesso, grazie per avermi messo al mondo, caro padre biologico, ma non mi servi più. E non mi serve più neanche il tuo cognome, perché io sono figlia di me stessa e non ho bisogno di te. Non è così, piccola Bansky, perché tuo padre è un uomo che per te darebbe la vita, ma tu questo non lo sai, non lo immagini, non lo concepisci. Te l’ho detto, conosco tuo padre e so chi è. So che a volte è un po’ sfortunato, ma, come si dice, ognuno crea da solo le proprie fortune o sfortune, e quindi addebitare al destino le disgrazie che capitano nella vita sembra un po’ anacronistico. Be’, questo per chi non crede nel destino, per chi non crede che il caso esiste, per chi non ha voglia di pensare che oltre questa vita di merda intrisa di superficialità e di apparenze c’è qualcosa di più nobile. So che tuo padre nasconde delle verità che a te non ha mai potuto svelare, ma solo per difenderti e non mettere in cattiva luce altre persone che ti circondano. So che tuo padre è onesto, buono e leale. So che tuo padre ti ama. E questo basterebbe per distruggere qualsiasi forma di orgoglio. Sono l’orgoglio e la paura di mettersi in discussione ciò che ci spaventa di più; ma la vita bisogna affrontarla, non sfuggirla, per non esserne catturati e non cadere nel vortice del pressapochismo, dell’apparire e non dell’essere. Ho un messaggio da parte di tuo padre e te lo trascrivo così come lo ha detto a me: dille che qualsiasi cosa succeda non versi lacrime, né di dolore né di rimpianto. Se la vita ha voluto questo è perché dovrà imparare cosa vuol dire avere un figlio.

Gen 4, 2011 - blog life    11 Comments

Dedicato a Marino Gioia

imagesCABTZC71.jpg

Questo nome ai più è sconosciuto, e questa storia non interesserà a molti. Ma non m’interessa. Marino non c’è più, se n’è andato, per sempre. Ci ha lasciato ieri, durante la notte, in una stanza d’ospedale. Dire che Marino era un amico è riduttivo. Quando io sono nato, nella camera da letto di una casa del rione Coteto a Livorno, lui aveva dieci anni e abitava al piano di sopra. Io crescevo e lui diventava grande. Era un’esistenzialista lui, con i suoi maglioni neri a collo alto, le canzoni di Tenco e De André, la sua chitarra, il suo pensare anarchico, la sua voce profonda. Lo ammiravo. Io ragazzo e lui uomo. Poi quando a diciannove anni suonavo in un quintetto di professionisti e il nostro leader cercava qualcuno che suonasse il basso e cantasse bene, feci il nome di Marino. Ma Marino suonava la chitarra. Nessun problema: si comprò un basso e lo imparò e ce ne andammo tutti in America, a suonare sull’Island Princess, una nave da crociera. Ecco, da questo momento in poi tra me e Marino s’instaurò un rapporto di vera amicizia, non più con quella differenza di età che ci allontanava. Eravamo entrambi uomini. Ma sapeva molte più cose di me, e da lui di cose ne ho imparate molte. Mi ha insegnato a giocare a scacchi, e facevamo interminabili partite sul ponte della nave, sotto il sole dei Caraibi. Abbiamo scoperto insieme la passione per la fotografia e a Saint Marteen ci siamo comprati la nostra prima reflex. E quando io mi sono sposato con Char, lui è stato il mio testimone. Poi le nostre strade si sono divise: lui rimase sulla nave per qualche anno e io in California. Quando sono tornato in Italia ci siamo rivisti, giocato di nuovo a scacchi, condiviso decine di cd jazz, cenato insieme. Marino è un pezzo della mia vita. Potrei dire un pezzo di vita “che se ne va”, e invece no: è un pezzo di vita che rimane, perché l’amicizia è un dono che va conservato, sempre. Addio Marino, mentore, amico, vicino di casa, testimone e artista timido.