Archive from agosto, 2010
Ago 28, 2010 - cinema e tv    21 Comments

VERTIGO CINEMA

Vertigo cinema logo.jpg

Ce l’abbiamo fatta. Il 5 ottobre 2010 apre ufficialmente la SCUOLA VERTIGO CINEMA, a Livorno. L’idea è nata da me, Marco Conte e Luca Dal Canto. Questa scuola cinematografica è un ramo dell’ormai consolidata Scuola di Dizione e Recitazione Vertigo, diretta da Enzina Conte, e Livorno ne aveva bisogno. Non dobbiamo mai dimenticarci che questa città, un po’ di anni fa, era un vero e proprio set, gli stabilimenti cinematografici della Pisorno, costruiti nel 1933, formavano la città del cinema per eccellenza, nata addirittura prima di Cinecittà a Roma. C’è passata gente come la Loren, Mastroianni, i De Filippo, Gassman, De Sica. Poi, come tutte le belle cose, la Pisorno è scomparsa nel nulla. Oggi tutto è concentrato a Roma. Ma perché? Perché solo a Roma? Perché non avere qualcosa anche noi, che abbiamo voglia di rinascere culturalmente, artisticamente? Sarà una faticaccia tenere in piedi questa Scuola, ne sono sicuro, ma faremo di tutto per mantenere qualcosa di positivo. Alla Vertigo Cinema si terranno corsi di sceneggiatura, da me diretti; corsi di recitazione cinematografica, con Marco Conte; corsi di regia e storia del cinema, tenuti da Luca Dal Canto. Ci buttiamo in questa avventura, con l’appoggio della Film Commission e di chi ci vuol bene. Questa idea è nata dopo aver finito di girare una puntata zero di una fiction tv – ora in fase di montaggio – con il soggetto scritto da noi tre temerari e la sceneggiatura da me e Luca Dal Canto, il quale è anche il regista. Gli attori provengono tutti dalla Scuola di Teatro Vertigo, e abbiamo girato a costo zero. Un ringraziamento va a tutti coloro che hanno partecipato a questo progetto senza prendere una lira e lavorando con grande entusiasmo. Una volta montata la puntata la sottoporremo alla severa critica di una casa di produzione romana che è molto curiosa di vedere cosa abbiamo combinato. Adesso vi do tutte le informazioni per contattarci. Dal 1° settembre, dal lunedì al venerdì, ci sarà una segreteria aperta al Vertigo, Scali del Pesce 11, dalle 18 alle 20, per le iscrizioni. Se volete avere informazioni sui costi, oltre che rivolgervi alla segreteria, potete inviare un’email a vertigoteatro@tiscali.it oppure telefonare a questo numero: 0586/210120, sempre dalle 18 alle 20. Ci si può iscrivere a più corsi, usufruendo così di sconti e promozioni. Per saperne di più di quanto non sia scritto in questo mio post devo consigliarvi di visitare il nostro sito www.vertigocinema.altervista.org dove troverete foto, biografie, spiegazioni.

Ago 23, 2010 - libri e fumetti    9 Comments

Presentazione libro in Fortezza

Gabbiano in Fortezza.JPG

Ebbene sì, sulle mura dell’antica Fortezza Vecchia di Livorno uno spettatore curioso è già lì che aspetta, in prima fila. Gli hanno detto che venerdì 27 agosto, alle 21,30, Sergio Consani presenterà il suo ultimo romanzo “Dieci modi per morire”. Il gabbiano solitario non ha alcuna intenzione di uccidersi gettandosi dalle mura altissime: gli è venuto in mente che può volare. Vuole solo vedere in faccia l’autore di questo libro il cui sottotitolo dice ironicamente che è un manuale del suicidio imperfetto. Sarà pure così, ma è una storia che cattura l’anima, qualche volta fa piangere, altre volte fa sorridere. Il gabbiano chiamerà a raccolta i suoi amici e li obbligherà ad ascoltare cosa avrà da dire di tanto importante l’autore sul suo libro. Mah! Forse parlerà di questo personaggio che tenta di suicidarsi e ogni volta trova un motivo per lasciar perdere e provare un nuovo modo; forse dirà che il personaggio principale incontrerà un uomo che diverrà un grande amico e le loro vite s’intrecceranno nel bene e nel male; forse darà speranza a chi non ce l’ha; forse… va be’… aspettiamo venerdì e così ascolteremo con le proprie orecchie…

Ago 20, 2010 - blog life    8 Comments

Guglielmo il saggio

image020.jpg 

La realtà non è altro che un sogno.

Lo diceva sempre Guglielmo, uno che è vissuto a cavallo tra l’Ottocento e il Novecento. O meglio, più che a cavallo sarebbe meglio dire a piedi, visto che lontano nel tempo suonava la tromba nei Bersaglieri. Era mio nonno, l’unico che non ho conosciuto, perché lui è morto quando mio padre aveva solo quattordici anni. Fu catturato dal nemico e messo in galera, con una sola opzione: la morte per fucilazione. Poi, chissà per quali motivi a me sconosciuti, pare fosse stato rilasciato, ma morì qualche mese dopo per una strana malattia. Mio padre mi raccontava di lui quelle poche cose che si ricordava, e uno dei pregi di mio nonno – a detta del figlio – sembra fosse la saggezza, una saggezza mai evolutasi a causa della morte prematura. Ogni tanto Guglielmo, a tavola o quando la famiglia era riunita la sera alla luce di qualche candela, elargiva qualche buon consiglio o regalava pillole di saggezza. Una era che diceva sempre che la realtà è un sogno. Io, che forse non sono saggio come lui, avrei detto che forse è il sogno che spesso assomiglia alla realtà, invece, a conti fatti, aveva ragione lui. Sì, è meglio pensarla così, perché in un mondo di merda come quello attuale – fatta eccezione per qualche caso di bontà, di altruismo, ecc. – è difficile credere che siano una realtà le ingiustizie sociali e politiche, gli stupri, i cinesi che immettono sul mercato ogni genere di schifezza, Bossi che vuole Miss Padania, Berlusconi che è sempre indagato e in galera non ci va mai, Stalin che proibiva di vedere i film americani quando lui se li faceva proiettare in una saletta privata, le donne col burqa, i ragazzi che rovinano i muri e le statue con le bombolette di vernice, il marito che ammazza la moglie, la moglie che ammazza il marito, i figli che ammazzano i genitori, le ragazze che si prostituiscono per una ricarica telefonica, i motorini smarmittati, i ragazzi che sull’autobus non cedono mai il posto quando sale un anziano. Potrei andare avanti all’infinito, ma non ho né voglia né tempo. E per fortuna che tutto questo è solo un sogno, altrimenti sarebbe davvero dura sopravvivere in questa pattumiera sospesa nell’Universo.

 

Ago 9, 2010 - blog life    11 Comments

Trito e ritrito

 

Tramonto ritoccato.JPG

Si parla tutti di amore, tutti, anche chi non riesce a dedicare un po’ di tempo a se stesso, anche chi non riesce a fissarlo con parole scritte, anche chi non ama. E parlare di amore suona un po’ retorico, ha un sapore di luoghi comuni e di pensieri triti e ritriti. Eppure tutti parlano d’amore. Soprattutto di bisogno d’amore. Ecco, forse il concetto è proprio questo: bisogno di essere amati piuttosto che di amare. Si cerca la persona che ci voglia bene, che ci faccia star bene. E noi? Noi che facciamo? Ci lasciamo amare spesso senza considerare il bisogno dell’altro, anche perché essere amati è più facile che amare. E non solo in una coppia, ma nei rapporti tra genitori e figli, tra fratelli e sorelle, tra amici. Amori diversi, di intensità diversa, al centro dei quali in ogni caso c’è il battito del cuore, le pulsazioni delle vene. Difficile amare nella coppia, complicato, a volte stressante, faticoso. Basterebbe qualche piccolo trucco, uno dei quali è il più semplice del mondo: dare se stessi. Già, ma come fidarsi della persona che ti sta accanto? Come mettere a nudo la nostra pelle e renderci vulnerabili quando basterebbe un piccolo tocco maldestro sulla carne viva per provare un dolore atroce? Mettersi a nudo significa mostrare il nostro spirito, o meglio, la nostra anima, e regalarla senza disfarsene. L’anima è nostra, la forgiamo noi, te la regalo ma… come un anello di fidanzamento se mi lasci me la rendi. Ma non c’è cosa più bella di fidarsi di chi ti ama e di chi ami, la tua generosità viene ripagata, anche se, alla fine, tutto crolla e tutto si spegne. Ho regalato qualche volta la mia anima e me la sono ripresa indietro. Ho regalato l’anima ai miei figli, ma loro ancora ce l’hanno, qualsiasi cosa succeda. Morirò un giorno, e la mia anima è loro, per sempre, anche se non li vedo. E li amo, incondizionatamente. Qualche donna l’ho amata davvero, parecchie di loro non si sono meritate la mia anima, altre, pochissime, quasi niente, ne hanno conservata un pezzetto. E gliela lascio volentieri.

Ago 3, 2010 - musica    2 Comments

Jazzin’ in Blue Jeans Quartet alla Baracchina Rossa

ORO_5485.JPG

Venerdì 6 agosto, alla Baracchina Rossa di Livorno, suoneremo dalle 20 alle 22, per un classico aperitivo-jazz. Vi ricordo i componenti del gruppo: Anna Rubini, vocalist; Max Fantolini, piano; Giulio Boschi, contrabbasso; Sergio Consani, batteria. Vi aspettiamo.